testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Ho vinto un premio da blog: BOOMSTICK AWARD 2017!

Me l'ha assegnato la mia amica di blog grande conduttrice di http://conigliodellamoda.blogspot.it/ grande fumettista e grande bloggeressa, un hip hip urra! per lei!

La motivazione del premio è questa, e poi non dirmi che me la tiro perché chiunque al mio posto se la tirererebbe:

"Perché racconta storie di vita vere o plausibili trasformandole in esperienze surreali. I suoi post sembrano gli aneddoti strani che si raccontano a tavola quando non ci si vede da un po'."

Seguono le regole che vanno riportate tali e quali, e io le riporterò qui di seguito, come da prassi e prima di nominare i miei vincitori. A questo punto apri la portiera della DeLorean,  imposta sul cruscotto 30/11/2007 e allaccia la cintura: si parte!

BOOMSTICK2017 un premio da blog che tutti vorrebbero vincere

 

BOOMSTICK AWARD 2017

Il tonante premio è stato creato da Germano di Book and Negative, il quale ne ha anche stabilito le regole:

1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore
2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione
3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete
4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite

Chiunque non le rispetti riceverà il temibile Bitch, Please! Award.

 

 

 

E ora ecco qui le mie nominations: son tutti blog dove si scrive, pare ovvio.

  1. Bartelio - Preferirei di no, il diario infimo di bartelio
    perché Bartelio è sempre il melio! Ancora adesso ogni tanto passo di lì, sfrucuglio e rileggo e ancora mi piace e pazienza se siamo fermi al 2011: quel che è scritto è scritto e io sono stata fortunata ad averlo letto: a questo servono i premi da blog e le macchine del tempo.
  2. Hombre - La linea d'hombre, E guardo il mondo da uno blog
    perchè sono la sua mentoressa e non è cosa da tutti, caro mio: prova tu! che dire poi di uno che quando fa le recensioni ai libri da i voti in Carver?
  3. Dario - solo testo
    perché Dario non è solo testo, non è nemmeno solo accapo o frammenti,  Dario è Dario, che te lo dico a fare: ci conosciamo fin da bambini!
  4. Lillina - ora e qui
    perché Lillina è anche un po' mia figlia d'arte, scusa se me la canto e me la suono ma ha scritto dei gran bei pezzetti e abbiamo passato anche dei bei momenti. Lillina poi cucina da Dio con le sue pentole magiche e i coperchi del Diavolo!
  5. plus1gmt - Alcuni aneddoti dal mio futuro, un blog della nicchia
    perchè scrive tutti i santi giorni, e tutti i santi giorni io lo leggo: abbiamo entrambi una costanza encomiabile.
  6. MaiMaturo - da acerbo a marcio senza tappe intermedie
    perché Maima è così tenero e delicato che se lasci una parentesi aperta rischia di prendersi il raffreddore
  7. Kernit - sputailrospo
    perchè mi piace la sua splatteritudine, secondo me ci fa alla grande

Lo so, lo so che pochi rilanceranno, forse nessuno. Perché non sanno nulla, poveri loro, del temibile Bitch, Please! Award. Nemmeno io, a dire il vero, ne so nulla ma tremo solo all'idea.

 

 bitchplease 320x420

 

Vuoi leggere anche questi?

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.