testata camel

C'era da scrivere un racconto per un esercizio di stile e ci voleva qualcosa che ha a che fare con l'udito, l'ascolto, un rumore strano, sordo ma acuto, ripetuto. A volte sembra vicino, a volte si sperde lontano.
È un po' inquietante, è fastidioso, è misterioso.
Ma cosa diavolo è?
Dimmelo tu cos'è.

Ah, ma la difficoltà dove sta?
Deve essere in seconda persona singolare: dammi del tu.

Io ho fatto così: Amico mio, cos'è questo rumore?

Ma la cosa che mi scoccia di più lo sai qual è?
Sta zitto va’, taci. Non c'è speranza, nessuna speranza.
Due anni di asilo, cinque elementari, tre medie e cinque anni di perito meccanico insieme, vuoi che non lo sappia che sei un pollo e un cretino?
Te ne potrei ricordare mille, lo sai meglio di me, lo sai.
Ma che te lo dico a fare.
E invece no, te ne dico una, una a caso. Hai creduto di fare il gallo e mi hai messo nella marmitta il fischietto di carnevale, quel richiamo per anatre o cosa diavolo era. Ma come potevi pensare che non me ne sarei accorto subito? Ma stai zitto, taci va’, che faceva un casino di ferraglia, sembrava ci avessero messo una mitraglietta dentro il cofano, una bomba a mano, "metti un treno merci nel motore", ma di quelli lunghi che non finiscon più, diciotto vagoni almeno.
Ho detto che cazzo è questo rumore, sono sceso, ho guardato, cosa ci vuole? Quel coso spuntava fuori dal tubo di scappamento della Golf, come facevo a non vederlo dico io.
L’ho preso e son passato a casa tua, te lo volevo mettere da qualche parte e te lo saresti meritato ma ho visto la tua Delta canna di fucile, te la ricordi? Era stata la tua prima macchina. Era parcheggiata davanti al portone e senza pensarci te l'ho infilato nello stesso posto. Una cosa ovvia e per niente originale, lo ammetto, mi è venuta d'impulso e ho colto l'occasione, che ne sapevo che poi l’avresti prestata a tua madre quella sera lì.
Tua madre, chissà come l’ha presa.

Cosa è questo rumore

Era rimasta di sasso anche quella volta che aveva scoperto quell’altra storia, quella delle merendine. Perché tu sei il pollo designato, è il destino che ti chiama e non hai scampo.
Tua madre, povera donna, avrà sentito quello spetazzare pazzesco, ma cos’è sto rumore?, avrà detto, mi sembra di vedere la sua faccia. E invece di andare a guardare e rendersi conto ha portato la macchina dal meccanico.
Non dire niente, lo sai anche tu che quello era più furbo che cretino, ti par possibile che ci ha messo due giorni a indovinare da dove veniva il difetto. È chiaro che si è approfittato dell’ignoranza. Trecento mila lire si era cuccato, che bastardo. Il cretino sei stato tu a pensare che non ti sgamassi alla prima, avresti dovuto saperlo. È dall’asilo che sono io quello che fa gli scherzi e tu quello che li subisce: non si può invertire il destino.
Tua mamma, povera donna anche lei, cosa si poteva pretendere? Ci aveva messo un anno scolastico intero a capire che c'era qualcuno che si sedeva sul tuo Buondì Motta e non il peso dei libri a spiaccicarlo tutti i giorni.
Ma stai zitto che non l’avevi lontanamente immaginato nemmeno tu, con tutte le volte che te l’ho fatta sotto il naso.
La prima è stata una coincidenza, non l’ho fatto di proposito. Ti era caduto fuori dallo zaino mentre ci sedevamo sul pulmino, mi è scivolato sotto il culo praticamente da solo e io ho colto l’occasione.
Le altre no, lo confesso. Ci ho preso gusto e l’ho fatto tutti i giorni, premeditato. Era la mia missione non lasciarti mangiare un buondì sano. Ma la colpa era tua, per la tua reazione esagerata della prima volta: ti sembrava il caso - a otto anni suonati - di metterti a piangere per una merendina schiacciata?
Taci va’ che anche quella volta là te la sei cercata.
Non l’ho mai ammesso e tu non hai mai avuto le prove che fossi stato io e te ne ho fatte anche tante altre che non saprai mai, ma il fischietto nella macchina era palese, niente da dire, lapalissiano: l’avevi messo tu a me, avresti dovuto aspettartelo, più che uno scherzo era un gesto d’intesa, un ammiccamento come tutti quelli che ci facevamo mille volte al giorno in tutte le situazioni. E lo sai qual è la cosa che mi scoccia di più?
Taci, che tanto non puoi dire niente, cretino.
Scommetto che stai ancora ridendo. La cosa che mi scoccia di più è che tu abbia pensato che c’ero cascato, che mi fossi spaventato davvero quando hai fatto finta di avere l’infarto. Devo ammettere che sei caduto bene, per un attimo forse avresti anche potuto convincermi ma poi, cretino, sei morto. E io non ho nemmeno potuto dirtelo che non ci ero cascato, è questo che mi fa incazzare come una bestia.
Perché è da quando andavamo all’asilo che "il pollo" sei sempre stato tu.


Commenti al Post: Amico mio, cos'è questo rumore?


amicoMM il 02/02/13 alle 10:30 via WEB
Ura peppa...taccio anch'io...
Toccante e bellissimo!!
Grande LDC :*

LaDonnaCamel il 02/02/13 alle 10:57 via WEB
Ma no, ma no, dica, dica :-)
(Graz.)


bluewillow il 02/02/13 alle 13:00 via WEB
bello anche questo racconto, sei brava a cambiare registro dello stile! Ciao! :)

LaDonnaCamel il 02/02/13 alle 15:01 via WEB
Grazie! Perché non partecipi anche tu? Non si vince niente ma non si perde nemmeno niente :-)

LaDonnaCamel il 02/02/13 alle 15:04 via WEB
e c'è tempo fino a lunedì sera!

AmicaLillina il 02/02/13 alle 16:44 via WEB
Come al solito sei bravissima, io ancora non ho scritto nulla spero di farcela fino a lunedì. (grazie in ritardo...e sai il perchè... comoda sta cosa) :*


LaDonnaCamel il 02/02/13 alle 18:41 via WEB
Ce la puoi fare dai, c'è ancora tempo. Mi sembra strano che non si faccia sentire Melusina, mi sa che devo andare a stanarla su twitter
(Prego non c'è di che ;-)

pendolante il 05/02/13 alle 20:15 via WEB
Un finale a sorpresa. Bello davvero.

LaDonnaCamel il 06/02/13 alle 09:21 via WEB
Grazie troppo buona, è giusto il tipo di racconto a chiave che il mio maestro detestava e detesta (scusa Paolo :) ma la donna non è di legno.

AmicaMelusina il 06/02/13 alle 22:20 via WEB
Uhè, sciura, che ma raccontino perfido, e che stile camaleontico ;-)

LaDonnaCamel il 07/02/13 alle 08:59 via WEB
Eh bè, sono un animale biocostruito artificialmente: il cammelleonte :-D
(Guarda guarda, c'è sempre una qualche gobba)

 

scrivere è il mio gioco preferito

"Scrivere è il mio gioco preferito" il mio motto è piaciuto anche all'amica Freevolah che l'ha interpretato così su Instagram.

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.